Italia, altri 15 paesi Ue chiedono di combattere discriminazione Lgbt

·1 minuto per la lettura
La "Equality Parade" a sostegno della comunità LGBT a Varsavia

BERLINO (Reuters) - L'Europa deve combattere ogni discriminazione rispetto alla comunità Lgbt, e difendere i diritti fondamentali dei cittadini.

Lo hanno detto i leader di 16 Paesi europei, tra cui l'Italia, in una lettera congiunta dopo che l'Ungheria ha approvato una legge che vieta la diffusione nelle scuole di materiale che "promuova il cambio di genere e l'omosessualità tra i minori di 18 anni.

"Il rispetto e la tolleranza sono al centro del progetto europeo", si legge nella lettera, indirizzata alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e al presidente del Consiglio Ue, Charles Michel.

"Siamo determinati a portare avanti questi sforzi e a garantire che le future generazioni europee crescano in un ambiente di uguaglianza e rispetto", continua la lettera.

La Commissione europea prenderà provvedimenti contro l'Ungheria per le nuove misure restrittive previste sui diritti Lgbt, ha annunciato ieri von der Leyen, dicendo che si tratta di una violazione dei valori fondamentali europei.

Palazzo Chigi in un tweet ha scritto: "Odio, intolleranza e discriminazione non hanno posto nella nostra Unione. Ecco perché, oggi e ogni giorno, ci battiamo per la diversità e l'uguaglianza Lgbt in modo che le nostre generazioni future possano crescere in un'Europa di uguaglianza e rispetto".

Nonostante le critiche, il premier ungherese Viktor Orban ha detto che non ha intenzione di abrogare la norma.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma , alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli