Italia-Croazia, Fontana (MiTE): più enfasi in collaborazione

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 mag. (askanews) - Si è svolta la V sessione del Comitato di Coordinamento dei Ministri Italia-Croazia previsto dall'articolo 1 del Memorandum d'Intesa sulla Cooperazione bilaterale del 12 gennaio 2009.

La riunione del Comitato di Coordinamento che si è tenuta nella mattinata ha previsto una prima sessione di incontri bilaterali sui temi oggetto del Memorandum d'Intesa - ivi compresi affari esteri, energia, protezione dell'ambiente, infrastrutture, agricoltura, università, scienza e cultura - seguita dalla sessione plenaria.

Al termine della riunione si è tenuta l'adozione di una Dichiarazione congiunta, il cui capitolo dedicato alla transizione verde/ambiente, è stato negoziato con la controparte croata dal MITE sotto il coordinamento del MAECI.

L'incontro bilaterale tenutosi tra la Sottosegretaria di Stato al MITE, Ilaria Fontana e il Segretario di Stato del Ministero dell'economia e sviluppo sostenibile croato, Ivo Milatic ha previsto 5 punti relativi all'energia e 3 punti relativi all'ambiente. Il Sottosegretario di Stato Fontana ha introdotto i quattro temi relativi all'energia proposti dall'Italia, mentre la controparte croata quello sull'idrogeno da loro suggerito.

Durante la sessione plenaria, il Sottosegretario di Stato Fontana e il Segretario di Stato Milatic hanno riferito circa gli esiti dell'incontro bilaterale: Collaborazione sulla sicurezza della produzione di idrocarburi in mare; Collaborazione al fine di armonizzare le rispettive normative sul decommissioning e riuso delle piattaforme offshore; Collaborazione sulle Zone Economiche Esclusive al fine di identificare le procedure e i punti di attenzione nel caso di rinvenimento di un giacimento a cavallo delle rispettive ZEE; Implementazione a livello subregionale delle attività connesse alla Convenzione di Barcellona per la tutela del Mare e delle Coste con particolare riferimento ai piani subregionali di emergenza in caso di incidenti con fuoruscita di petrolio.

"Sono molto lieta di poter riferire sugli ottimi esiti dell'incontro con il Segretario di Stato, Ivo Milatic, che ringrazio ancora per i Suoi preziosi contributi - ha detto nel suo intervento Ilaria Fontana -. Considerata la prossimità dei due paesi e le sinergie che, di conseguenza, si possono sviluppare in campo energetico ed ambientale, anche nell'ambito dei nuovi scenari europei e internazionali, abbiamo concordato sull'opportunità che la cooperazione bilaterale debba proseguire con più enfasi sui temi al centro della Dichiarazione congiunta con riferimento alla transizione energetica. In particolare, sul tema della sicurezza della produzione di idrocarburi in mare, abbiamo concordato sull'opportunità di promuovere attività congiunte volte al mantenimento degli standard di sicurezza delle attività in mare e al monitoraggio degli impianti e delle infrastrutture offshore, ai fini della prevenzione e della risposta alle emergenze in caso di incidenti rilevanti. Inoltre, allo scopo del raggiungimento degli obiettivi comuni di riduzione delle emissioni e di mitigazione degli impatti delle attività di esplorazione e produzione di idrocarburi a mare, abbiamo convenuto di collaborare nell'armonizzazione delle rispettive normative in materia di dismissioni e riutilizzo delle infrastrutture a mare al fine di poter avviare quanto prima progetti congiunti di riconversione per lo sviluppo di energie alternative. Sempre in tema di energia, abbiamo concordato di individuare, attraverso un gruppo di lavoro tecnico, alcune migliori pratiche per eventuali future attività di esplorazione o sfruttamento in zone a cavallo della linea delle rispettive Zone Economiche Esclusive, nel rispetto dei diversi usi dello spazio marittimo al fine di garantire la coerenza con altre politiche pertinenti dell'Unione, quali la strategia europea sulla biodiversità e la politica comune della pesca. Infine, con l'obiettivo di ridurre il rischio di incidenti di inquinamento marino, abbiamo deciso di lavorare ad ulteriori azioni congiunte di prevenzione a livello subregionale tenendo conto, in particolare, dell'Accordo sul Piano di emergenza subregionale per la prevenzione, la preparazione e la risposta ai gravi incidenti di inquinamento marino nel Mare Adriatico, nonché del lavoro svolto nel quadro della Strategia dell'UE per la Regione adriatica e ionica (EUSAIR). Questi sono alcuni degli aspetti della nostra collaborazione bilaterale su cui ci siamo confrontati con i colleghi Croati. Lascio ora la parola al Sottosegretario di Stato Ivo Milatic che riferirà sugli ulteriori importanti temi di cui abbiamo discusso questa mattina".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli