Italia e Ue possono bloccare l'export di AstraZeneca, dice l'esperto

·1 minuto per la lettura

AGI - "Qualunque ordinamento, nazionale o sovranazionale, ha il potere di adottare misure straordinarie in presenza di situazioni eccezionali come le pandemie o le guerre: la vicenda dei vaccini rientra sicuramente nell'ambito di tali situazioni. In Italia il Governo può dunque bloccare, con decreto legge, l'esportazione dei vaccini". Così all'AGI Federico Tedeschini, professore emerito di Diritto Pubblico alla Sapienza e avvocato amministrativista, in relazione ad alcune alle dosi di vaccino AstraZeneca scoperte dai carabinieri del Nas nello stabilimento di Anagni.

"Questo - prosegue Tedeschini - secondo l'articolo 78 della Costituzione, come interpretato dalla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, ex art. 15, comma 1, che lo estende fino ad ogni 'caso di pericolo pubblico che minacci la vita di una Nazione'".

In particolare, rileva l'esperto, "L'Unione Europea, a sua volta, potrà adottare identiche misure, in base all'articolo 168, commi 1 e 4, del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea, al fine di contrastare situazioni o 'fonti di pericolo per la salute fisica e mentale' dei cittadini europei", spiega il professore che aggiunge: "Resta tuttavia il problema di desecretare i contratti sottoscritti dalla Commissione Ue con i produttori dei vaccini, le cui clausole, ove rese pubbliche, potrebbero riservare qualche spiacevole novità in materia: prima fra tutte quella di rinunziare all'uso dei poteri straordinari nei confronti di costoro e non mi meraviglierei dell'esistenza di simili clausole, vista l'improntitudine con cui quei produttori si muovono, spesso in evidente danno della controparte".