Italia, 'Green Pass' sarà obbligatorio per lavoratori - Gelmini

·1 minuto per la lettura
Una ragazza mostra il Green Pass alla stazione di Napoli

ROMA (Reuters) - L'Italia renderà obbligatorio il 'Green Pass' Covid-19 per i lavoratori del settore pubblico e privato, diventando il primo Paese europeo ad adottare una misura simile, mentre cerca di accelerare il tasso di vaccinazione e debellare i contagi.

Lo ha detto il ministro degli Affari regionali Mariastella Gelmini ai microfoni di Radio Rai.

Il pass, un certificato digitale o cartaceo che dimostra di aver ricevuto almeno una dose di vaccino, di essere risultati negativi al test o di essere recentemente guariti dal virus, era stato originariamente concepito per facilitare i viaggi tra gli stati della Ue.

Tuttavia, l'Italia e altri Paesi lo hanno reso un requisito interno necessario per l'accesso a luoghi come musei, palestre e per la consumazione al chiuso nei ristoranti.

L'Italia lo ha reso poi obbligatorio anche per il personale scolastico, dopo che già la primavera scorsa lo aveva imposto a tutti gli operatori sanitari, medici e infermieri, compresi i farmacisti.

Gelmini ha detto alla radio di stato che la riunione di governo di domani sarà "un momento importante" per estendere l'uso obbligatorio del certificato.

L'Italia ha gradualmente esteso l'uso del pass sul posto di lavoro, nonostante la questione abbia suscitato tensioni nella coalizione di unità nazionale del primo ministro Mario Draghi. Gelmini ha detto che il governo è ora pronto ad andare oltre.

"Si va verso l’obbligo del certificato verde non solo per i lavoratori del pubblico impiego ma anche per quelli del settore privato", ha detto a Rai radio.

"Solo immunizzando la stragrande maggioranza della popolazione possiamo contenere i contagi. Il vaccino è l'unica arma che abbiamo contro il Covid." ha aggiunto.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Giuseppe Fonte e Emilio Parodi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli