Italia-Libia,Lamorgese: Tripoli disponibile a rivedere... -2-

Nes

Roma, 6 nov. (askanews) - "Si sono contratti i flussi di migranti in partenza della Libia e si registra nel 2019 un decremeto del 97,2 per cento rispetto al 2017", ha aggiunto il ministro, e "le partenze dalla Libia hanno avuto il calo piu marcato". C'è stata amche una forte riduzione delle vittime in mare nella rotte del mediterraneo centrale e - ha sottolineato il respondabile dell'Interno - si tratta di un "dato oggettivo".

"Sono convinta che il memorandum ha contribuito a questi risultati. La sottoscrizione memorandum ha avuto ruolo impornate per evitare isolamento della utorità libiche e per coinvolgerle in comuni strategie per il contrasto del traffico di esseri umani".

La mediazione italiana - ha proseguito Lamorgese - ha consentito la presenza in Libia di ong a salvaguardia dei diritti dei migranti, delle persone bisognose di protezione internazionale e più in generale dei diritti dell'uomo".

L'ingresso in Libia, nel 2017, di uno staff dell'Unhcr è un risultato tutt'altro che scontato in un Paese che non ha ancora aderito alla Convenzine di Ginevra per il riconoscimento dello status di rifugiato.

Dal 2016 ad oggi, l'Oim ha effettuato anche con il contributo italiano "oltre 45 mila rimpatri volontari assistiti di migranti dalla Libia di migranti non aventi titolo a richiedere la protezione internazionale verso i loro Paesi di origine, cui oltre 8 mila nei primi dieci mesi del 2019".(Segue)