Italia-Libia, Migliore (Iv): revisione memorandum è indispensabile

Pol/Bac

Roma, 6 nov. (askanews) - "L'idea che si possa considerare una rinegoziazione del Memorandum con la Libia per aprire anche alla possibilità dello svuotamento dei campi per quanto ci riguarda è indispensabile". Lo ha dichiarato in Aula Gennaro Migliore, componente di Italia Viva in Commissione Esteri, a proposito delle comunicazioni del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese sull'accordo con la Libia per contrastare l'immigrazione illegale.

"Il tema della Libia - ha continuato - deve essere affrontato con serietà. Quando abbiamo sottoscritto questo Memorandum non eravamo a conoscenza di alcuni fatti, come la presenza di alcuni trafficanti all'interno della Guardia costiera libica. Come non eravamo a conoscenza della situazione bellica determinata dal 4 aprile di quest'anno in poi. La necessità di una revisione è data dalla trasformazione concreta sul campo. Per cui noi dobbiamo concentrarci su quelle che sono le ragioni di quel memorandum e le sue parti largamente inapplicate, dovute anche alla conformazione particolare del cosiddetto Governo di unità nazionale. Oggi alcuni dei gruppi che sostengono Serraj, o che lo tengono in pugno, come Ansar al-Sharia, sono gruppi minacciosi. Quindi, l'idea che si possa considerare una rinegoziazione per aprire anche alla possibilità dello svuotamento dei campi per quanto ci riguarda è indispensabile. Perché la discontinuità non deve avvenire tanto con il Governo dove c'era Salvini".

"La discontinuità deve avvenire sulla salvezza di queste persone, perché in questo momento la continuità peggiore che noi potremmo osservare è vedere, senza agire di conseguenza, queste persone ancora soffrire lì dentro, e questo, sinceramente, il nostro Governo credo non lo permetterà", ha concluso.