In Italia nascono sempre meno bambini. Genitori sempre più anziani

paolo giorgi

La crisi economica ha avuto un impatto anche sull'aumento della denatalità. Nel 2008, in Italia i minori rappresentavano il 17.1% della popolazione residente, mentre nel 2018 sono ridotti al 16.2%. Un fenomeno che si è sviluppato in maniera non uniforme, ma che si è concentrato in particolare nel sud e nelle isole - che hanno perso un minore ogni 10 - e che al centro e al nord è stato meno incisivo per la presenza delle famiglie straniere. Questi alcuni tra i dati messi in luce dal X Atlante dell'infanzia a rischio di Save the Children.

In Italia nascono pochi bambini e hanno in media genitori più anziani rispetto al passato: il percorso che consente di diventare genitori è sempre più lungo e complesso, anche in considerazione delle difficoltà per i più giovani di raggiungere l'autonomia necessaria per sostenere un nuovo nucleo familiare.

Una prima conseguenza, si legge nel rapporto, si è avuta nella flessione delle iscrizioni a scuola nel primo anno delle primarie: per l'anno scolastico 2019/2020 le domande presentate sono state poco più di 473.000, con una perdita di circa 23.000 bambini rispetto all'anno precedente (-4,6%), mentre il ciclo di scuola secondaria ha registrato una flessione di altri 20.000 studenti.

A compensare solo parzialmente questo fenomeno, la crescita del numero di bambini e ragazzi di origine straniera presenti nel nostro Paese: nel 2008 erano poco più di 700.000 e a dieci anni di distanza sono oltre un milione. Oggi più di un residente minorenne su 10 in Italia ha la cittadinanza straniera. A loro, infatti, una legge obsoleta e tra le più restrittive in Europa, continua a riconoscere la cittadinanza e il pieno riconoscimento dei diritti civili solo al compimento del 18esimo anno di età.

In un paese impoverito, sottolinea ancora Save the Children, in cui si fanno sempre meno figli e in cui il tema dell'integrazione dei "nuovi italiani" diventa sempre più urgente, l'Italia continua a non avere un Piano strategico per l'infanzia dotato di adeguati investimenti. L'Italia resta uno dei paesi europei che investe meno nell'infanzia, con divari tra le diverse regioni nel reale accesso ai servizi per i bambini e le loro famiglie.

Basti pensare che a fronte di una spesa sociale media annua per l'area famiglia e minori di 172 euro pro capite per interventi da parte dei comuni, la Calabria si attesta sui 26 euro e l'Emilia Romagna a 316. Un divario che penalizza il Sud e in particolare tutte quelle aree che sono state colpite dalla mancata definizione dei Livelli essenziali delle prestazioni sociali (LEP) previsti dalla riforma del Titolo V della Costituzione.

In mancanza di un intervento di riequilibrio da parte dello Stato centrale, i divari territoriali e regionali sono cresciuti, piuttosto che diminuire, nel corso degli anni. Ma l'impoverimento materiale ed educativo dei bambini in Italia, prosegue il rapporto, si accompagna anche ad un impoverimento "ambientale". Mentre il dibattito mondiale si accende sull'impatto dei cambiamenti climatici sul pianeta, i bambini e adolescenti italiani crescono in un paese in cui c'è sempre meno verde, con un aumento di 30.000 ettari di territorio cementificato dal 2012 al 2018.

Il 37% di dei minori si concentra in 14 grandi aree metropolitane, in ambienti non propriamente a misura di bambino, e in 1 città su 10 non si raggiunge la dotazione minima di verde pubblico di 9 metri quadri per abitante prevista dalla legge. Il fatto che ben il 44% dei bambini ed adolescenti italiani vada a scuola in macchina non stupisce, soprattutto se si considera che il rapporto tra ogni neonato che nasce in Italia e le macchine immatricolate nello stesso anno è di 1 a 4.