Italia Nostra Lazio: stop taglio indiscriminato alberi Monterotondo

Red/Cro/Bla
·1 minuto per la lettura

Roma, 31 lug. (askanews) - La continua strage delle alberature urbane nel Lazio, che degrada il paesaggio, aumenta i livelli di inquinamento e peggiora la vivibilità delle città, è da tempo all'attenzione di Italia Nostra. Gli abbattimenti vengono spesso giustificati con ragioni di sicurezza, non di rado esagerata, ma dove c'è è per lo più dovuta alla mancanza di manutenzione o alle potature "estreme" effettuate da ditte incompetenti. L'amministrazione di Monterotondo sembra ora voler primeggiare in questo tipo di barbarie urbanistica. La città non ha, a quanto pare, un Regolamento del Verde da rispettare, e negli ultimi tempi, dopo aver abbattuto diversi alberi monumentali, anche nello storico Giardino del Cigno, ha assegnato un appalto per la realizzazione di marciapiedi e il rifacimento stradale che prevede l'abbattimento dell'intera alberatura di via Serrecchia, che è parte integrante dell'assetto storico del centro storico. La motivazione, riportata nella relazione sul progetto, parla di "sostituzione degli alberi con altri di dimensioni inferiori, coerenti con la larghezza della strada." Si propone di sostituirle con degli oleandri (che sono arbusti). Come se ci fosse un rapporto fisso da rispettare per legge tra altezza degli alberi e larghezza della strada. (segue)