Italia preoccupata per operazioni illegali nave turca a Cipro -2-

Orm

Roma, 5 ott. (askanews) - Alla base della preoccupazione italiana, l'invio, da parte della Turchia, di una seconda nave per trivallmenti, accompagnata dalla Marina militare, al largo di Cipro. Il ministero turco dell'Energia ha fatto sapere ieri che la Yavuz è partita diretta al pozzo di Guzelyurt-1, che si trova in un'area considerata dalla Repubblica di Cipro e dalla Comunità internazionale Zona economica esclusiva (Zee).

L'italiana Eeni e la francese Total hanno ottenuto da Cipro una licenza per esplorazioni energetiche.

"Con i nostri partner, abbiamo scelto un approccio fermo ma graduale e reversibile per creare le condizioni per una riduzione della tensione nel Mediterraneo orientale - scrive oggi la Farnesina - Ci auguriamo sinceramente che questo risultato sia ancora possibile e auspichiamo che la Turchia voglia tornare al più presto a un atteggiamento più costruttivo".