Italia, prezzi produzione aprile +35,3% su anno, sotto massimi marzo - Istat

La bandiera italiana al Palazzo del Quirinale a Roma

MILANO (Reuters) - Prosegue a ritmo congiunturale ma frena dai massimi di marzo a perimetro tendenziale la dinamica dei prezzi alla produzione nei settori industria e costruzioni.

Lo dicono i dati diffusi questa mattina da Istat, che mettono in evidenza ad aprile un incremento di 0,2% su marzo e 35,3% su aprile dell'anno scorso.

Il mese precedente - nel pieno del conflitto ucraino entrato poi in una fase di stallo - la crescita mensile era pari a 4%, quella tendenziale al 36,9%.

Nel trimestre febbraio-aprile, rispetto ai tre mesi precedenti, i prezzi a monte della filiera crescono di 9,9%, con una dinamica molto più sostenuta sul mercato interno (+11,9%) rispetto al mercato estero (+4,1%).

Riferendosi ad aprile, Istat parla di aumenti tendenziali diffusi a tutti i settori manifatturieri su tutti i mercati.

"I più marcati riguardano coke e prodotti petroliferi raffinati (+42,9% mercato interno, +14,9% area euro, +49,1% area non euro), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+27,9% mercato interno, +34,7% area euro, +27,8% area non euro), prodotti chimici (+23,9% mercato interno, +22,4% area euro, +23,1% area non euro), industrie del legno, della carta e stampa (+19,3% mercato interno, +22,8% area euro, +16,0% area non euro) e articoli in gomma e materie plastiche (+17,0% mercato interno, +13,5% area euro, +16,1% area non euro)" scrive l'istituto di statistica.

Per le costruzioni, l'incremento di aprile è di 2,4% su base mensile e 10,5% su base annua per la voce 'edifici residenziali e non residenziali' e di 1,6% su mese e 8,2% su anno per la voce 'strade e ferrovie'.

(Alessia Pé, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli