In Italia si rischia un'epidemia incontrollata e ingestibile. Lo dice l'Istituto superiore di Sanità

·1 minuto per la lettura

AGI - In Italia si rischia un'epidemia incontrollata e ingestibile. È l'allarme lanciato dall'Istituto superiore di Sanità nel suo monitoraggio settimanale dell'emergenza Covid.   

"L'epidemia in Italia è in rapido peggioramento" evidenzia il documento, "nella maggior parte del territorio nazionale è compatibile con uno scenario di tipo 3 ma sono in aumento il numero di Regioni in cui la velocità di trasmissione è già compatibile con uno scenario 4. La situazione si conferma  complessivamente e diffusamente molto grave sull'intero territorio nazionale con criticità ormai evidenti in numerose Regioni ed evidenzia forti criticità dei servizi territoriali e il raggiungimento attuale o imminente delle soglie critiche di occupazione dei servizi ospedalieri.

"Tutte le Regioni sono classificate a rischio alto di una epidemia non controllata e non gestibile sul territorio o a rischio moderato con alta probabilità di progredire a rischio alto nelle prossime settimane".