## Italia spaccata, Lega prima a Nord e Centro, M5s al Sud e isole

Afe

Roma, 27 mag. (askanews) - E' un'Italia geograficamente spaccata in due quella che emerge dal voto delle europee, con la Lega prima al Nord e al Centro e il M5s davanti nel Mezzogiorno e nelle isole.

Secondo una proiezione di Consorzio Opinio per 'Porta a porta' (con un campione tra il 37 e il 40%), a Nord Ovest la Lega è al 39,8%, il Pd al 23% e il M5s al 10,3%, appaiato con Forza Italia. A Nord Est la Lega è al 38,2%, con il Pd al 23,7% e il M5s all'11,5%. In Centro Italia la Lega è accreditata del 32,9%, il Pd del 28,1% e il M5s del 16,2%. La proiezione nell'Italia Meridionale vede il M5s al 32,5%, la Lega al 20,2% e il Pd al 18,9%. Nell'Italia insulare, i pentastellati sono primi con il 31,8%, la Lega ha il 23,7% e il Pd il 18,2%.

Anche nelle maggiori città in cui governano, i pentastellati sono in affanno. A Roma i dem, secondo i primi scrutini parziali, sono al 30,1%, seguiti dalla Lega al 26,2%. I 5 stelle sono ben distanziati al 18,1%. A Torino il Pd è in testa con il 32,6%, davanti alla Lega (27,7%) mentre il M5s raccoglie il 13,8% dei consensi. I pentastellati sono invece primi a Napoli con il 42%, doppiando il Pd (21,8%). La Lega è terzo partito con il 12,6%.

Il Movimento 5 stelle potrebbe pagare anche il calo dell'affluenza, che si è attestata al 55,3%, in calo di quasi tre punti percentuali rispetto al 58,2 per cento delle ulitme eruopeee del 2014.