In Italia sta per arrivare il gelo

·1 minuto per la lettura
Neve
Neve

In questo momento l’ipotesi riguardo le previsioni meteo è che a metà novembre, in Italia, inizieranno ad arrivare il gelo e la neve.

Previsioni meteo, ipotesi neve e gelo sull’Italia già a metà novembre

La prossima settimana potrebbe iniziare con l’arrivo di un Medicane, come quello che qualche settimana fa ha duramente messo alla prova la Sicilia e la Calabria. L’ipotesi è di un’intensa ondata di maltempo, anche alluvionale, che potrebbe coinvolgere gran parte dell’Italia. La vera e propria svolta fredda potrebbe arrivare già a metà novembre. La prossima settimana si aprirà con un forte maltempo al Sud, con la possibile formazione di un pericoloso vortice ciclonico sul mar Ionio. Grazie alle temperature ancora elevate dei mari e le correnti umide in arrivo, il vortice potrebbe caricarsi ancora di più, fino a trasformarsi in un medicane.

Previsioni meteo, ipotesi neve e gelo sull’Italia: attenzione su Basilicata e Puglia

L’attenzione sarà puntata in modo particolare su Basilicata e Puglia, dove non si esclude il rischio di nubifragi e alluvioni. Da martedì 16 sul Mediterraneo centrale arriverà un nuovo ciclone, alimentato da correnti instabili. Il maltempo potrebbe interessare le regioni del Centro, per poi estendersi anche al Nord, a partire da giovedì 18. Tutta la prossima settimana rischia di essere seriamente compromessa da forti piogge, temporali e l’arrivo del gelo.

Previsioni meteo, ipotesi neve e gelo sull’Italia: arriva la neve

Nella seconda parte del mese di novembre potrebbe arrivare un’ondata di gelo particolarmente intensa, che travolgerà l’Italia. Una situazione che porterà quasi sicuramente delle nevicate fino a quote molto basse al Nord, con le Alpi che verranno letteralmente ricoperte di neve. L’inverno quest’anno potrebbe arrivare prima.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli