"Italia Viva all'opposizione", il lapsus di Rosato

webinfo@adnkronos.com

"Questo governo si avvantaggia del fatto che siamo all'opposizione...". Ettore Rosato, coordinatore di Italia Viva e vicepresidente della Camera, inciampa in un lapsus nello studio di Un giorno da Pecora. "E' stato un lapsus, un po' grave... Il governo si avvantaggia del fatto che siamo un po' critici", corregge il tiro sorridendo. "Come ci troviamo con il M5S? Ci troviamo quasi su tutto, quasi quasi... Non si può che migliorare, ma bisogna dire che abbiamo fatto cose importanti. Abbiamo evitato che gli italiani pagassero 23 miliardi di Iva, Salvini se n'è andato prima di fare la legge di bilancio". 

"Siamo contro i sovranisti, che sono tutti a destra. Siamo collocati in un'alleanza di centrosinistra. E nel centrosinistra noi siamo quelli che guardano al futuro, mentre altri guardano al passato. Chi è che guarda al passato? Sono quelli che usano la pinza per aggiustare il televisore al plasma, pensano al futuro con strumenti del passato. Servono strumenti nuovi", prosegue soffermandosi sulla posizione del movimento guidato da Matteo Renzi. A chi dice che l'appello indirizzato ai delusi di Forza Italia, risponde: "Abbiamo tanto tempo davanti".  

Capitolo prescrizione: "E' coerente continuare a votare contro una riforma sbagliata. E' una riforma fatta da Bonafede e Salvini, avevamo già votato contro e continuiamo a votarla contro. Dobbiamo accorciare i processi, non allungare la prescrizione. Mi auguro che Bonafede porti nei prossimi Consigli dei ministri una riforma seria del processo penale. Il governo non va in crisi sulla prescrizione, va in crisi il sistema della giustizia italiana se non togliamo questo obbrobrio".