Italia Viva, Bonafè: lo yogurt mi piace ma resto nel Pd

Pol/Vep

Roma, 20 set. (askanews) - "Lo yogurt mi piace ma rimango nel Pd". Lo ha annunciato a Circo Massimo, su Radio Capital, l'europarlamentare e segretaria regional del Pd Simona Bonafè.

"Non lo seguirò, non condivido la sua scelta ma la rispetto, e da parte mia non uscirà mai una parola contro Renzi". Secondo Bonafè "non c'è bisogno di fare un altro partito, il Pd è sempre stato contendibile. Io prima ero in maggioranza e ora sono in minoranza, ho lo spazio di fare le mie battaglie perché il Pd è un partito plurale. E il tema vero", sottolinea, "è che è stato fatto un governo, e ora c'è da lavorare. Penso che in questo momento dovremmo parlare più delle misure da mettere in campo che di Renzi".

Fra i dem si discute sull'alleanza con i 5 stelle anche alle regionali, una strada che non convince del tutto la segretaria del Pd Toscana: "Penso che non ci debbano essere automatismi a livello regionale. Le alleanze si fanno quando si trovano punti in comune sui contenuti e sui programmi. Se ci sono punti in comune si va avanti; se no, no". Se tornassero Bersani e D'Alema, Bonafè lascerebbe il Pd? "Se tornassero io continuerò a presidiare la parte moderata del Partito Democratico. Ma non mi pongo il problema: mi fido di Bersani, e Bersani dice che non entrerà nel Pd", conclude.