Italia a zone, fino a dicembre non ci saranno cambiamenti

·1 minuto per la lettura
sicilia rischio zona rossa
sicilia rischio zona rossa

I numeri sul contagio rendono concreto il rischio del passaggio a zona rossa anche della Sicilia, ma il presidente Musumeci tranquillizza tutti: “Fino al 3 dicembre nessuno cambierà fascia”. Previsto un incontro tra governo e regioni a fine novembre. Il Ministro degli Affari Regionali Boccia non esclude nuove zone rosse prima di Natale.

Zona rossa, Sicilia a rischio?

La Sicilia è tra le regioni a forte rischio zona rossa, ma il presidente della regione Musumeci spiega come un possibile passaggio non sia possibile fino al 3 dicembre: “Ho sentito il ministro Speranza che mi ha anticipato la decisione di rinnovare la propria ordinanza per tutte le zone arancioni in Italia, fissando per la prossima settimana un primo confronto tecnico per una nuova valutazione del rischio-Regione“.

Stando a quanto affermato dal governo, quindi, non ci saranno passi indietro fino a fine mese. L’attuale Dpcm rimarrà in vigore come prestabilito, ma non è detto che in seguito alcune regioni possano cambiare fascia.

Per fine novembre, si prevede un tavolo tecnico tra Regioni, Istituto superiore della Sanità e il Ministro della Salute Speranza, per discutere di possibili ritocchi. Come già detto, la Sicilia è tra quelle regioni sotto stretta sorveglianza. Tuttavia, le misure restrittive applicate in questo Dpcm avrebbero migliorato la situazione interna, come sottolinea Musumeci: “Nel corso della telefonata avuta con l’assessore regionale per la Salute, il ministro ha avuto modo di evidenziare il miglioramento del quadro regionale, anche alla luce di misure di contenimento che erano state già adottate“.

Bisognerà aspettare dicembre per capire se la Sicilia potrà retrocedere in fascia rossa o rimanere stabile in quella arancione. Fino ad allora, non verrano attuate modifiche, ma il Ministro degli Affari regionali Boccia non esclude nuove zone rosse sotto le feste natalizie.