Italiani positivi? "Il doppio o il triplo di quelli ufficiali"

·1 minuto per la lettura
(Photo by Fabrizio Villa/Getty Images)
(Photo by Fabrizio Villa/Getty Images)

"Riteniamo che gli italiani positivi in questo momento siano il doppio o il triplo di quelli ufficiali, quindi il rischio contagio persiste. Noi dobbiamo puntare a spegnere i focolai, sotto questo aspetto siamo a buon punto e dobbiamo andare avanti con la campagna vaccinale, che sta andando bene". Così a RaiNews 24 il virologo Fabrizio Pregliasco che esclude un nuova ondata del virus: "Ci potrebbe essere un colpo di coda del virus, che non sarà una nuova ondata ma magari un leggero incremento. Saremo però sicuri di aver messo al sicuro la parte più fragile della popolazione". 

VIDEO - Covid, Ricciardi: novax minoranza, chi non si vaccina spaventato

Strettamente legata al numero di vaccinazioni sul territorio la tempistica per arrivare a togliere le mascherine, almeno all'aperto: "L'obiettivo ottimale per la copertura vaccinale - afferma Pregliasco - "è intorno al 70-80%. Così avverrà un calo drastico dei casi e soprattutto dei casi più gravi. Raggiunto un valore del 40-50% si potrà cominciare a eliminare la mascherina all'aperto. Negli ambienti chiusi o affollati ci sarà sempre rischio, quindi questo aspetto dovrà essere mantenuto"

Sulle vaccinazioni e la possibilità di interscambiabilità di vaccini diversi tra prima e seconda dose Pregliasco spiega come esistano studi "che ci dimostrano che in alcuni casi la protezione è addirittura superiore rispetto a chi fa prima e seconda dose con lo stesso vaccino. Tutto questo ci rasserena anche rispetto alle forniture future, e anche per il prossimo anno, quando a nostro avviso si dovrà fare come per il vaccino anti influenzale, un richiamo magari aggiornato per combattere le varianti".

VIDEO - Vaccino, prime 200 dosi a studenti maturandi di Palermo

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli