Italiano in cella da 8 mesi a Abu Dhabi, la compagna: "Film horror, riportatelo a casa"

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 nov. (Adnkronos) – "Il mio Andrea è un prigioniero politico. Il mio Andrea, il padre della mia bambina, è stato sequestrato, non arrestato. Portato via un giorno di fine marzo, il 21 novembre prossimo saranno otto mesi, e chiuso in una cella del carcere di Abu Dhabi senza alcun capo di imputazione, senza la possibilità di vederlo, di parlarci. Senza che l'avvocato che continuo a pagare profumatamente, riesca anche solo ad avere in mano un fascicolo. Mi rivolgo alle istituzioni, alla Farnesina, al ministro della Difesa Guerini, vi prego, riportate a casa il mio compagno. Sta male, ed io ho bisogno di lui". A parlare all'Adnkronos è Stefania Giudice, compagna di Andrea Costantino, il trader milanese del petrolio arrestato a Dubai senza un'accusa e senza esser mai stato interrogato e da allora recluso nel carcere di al Wathba.

"Stamattina, come ogni martedì e domenica, l'ho sentito al solito sei minuti – racconta Stefania – Non sta bene, dorme per terra, mangia per terra e ormai i chili persi sono 25. E' una situazione da film dell'orrore, Andrea era la persona giusta al momento giusto per fare pressioni sul governo italiano sull'embargo che deve essere sbloccato. Nostra figlia chiede del papà, io devo restare lucida per lei ma è tutto troppo difficile". Andrea Costantino, che a Dubai passava la maggior parte del suo tempo per lavoro, è stato portato via sotto agli occhi della compagna e della figlia di 4 anni senza motivazione.

"Andrea adorava Dubai, ci si è sempre trovato benissimo – prosegue Stefania – non ha mai avuto problemi, nemmeno una multa non pagata – continua la compagna – Conosceva regole, comportamenti. Poi il 15 marzo siamo ripartiti insieme dall'Italia perché doveva riprendere l'attività dopo il Covid. Eravamo tranquilli in hotel quando il 21 marzo mi hanno chiesto di raggiungere mio marito nella hall perché doveva dirmi qualcosa. 'Mi stanno portando ad Abu Dhabi, ma ti giuro non so perché, chiama l'ambasciata, chiama il consolato' è riuscito a dirmi prima che lo portassero via. Lo hanno fatto entrare in ascensore e da quel momento non l'ho più visto. Quando sono entrata in stanza era tutto a soqquadro, le valigie aperte, i giochi della bambina sparsi ovunque, materassi ribaltati, e i telefonini e il computer di Andrea spariti. E' stato lì che è iniziata la mia odissea".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli