Ius culturae, Sassoli: "un favore a Salvini? No, a tanti ragazzi"

Orm

Roma, 5 ott. (askanews) - Arrivare a nuove regole per la cittadinanza italiana come proposto con lo Ius culturae non significa fare "un favore a Salvini", ma fare "un favore ai ragazzi, difendendo il loro diritto ad avere diritti": così David Sassoli, presidente dell'Europarlamento, rispondendo a una domanda sullo Ius culturae alla festa Dems di Rimini.

"In Europa ogni Paese fa scuola a sé, questa è una questione di legislazione nazionale - ha fatto notare Sassoli - Per l'Italia chi nasce qui è di qui, per me. E' un fatto di etica di corerenza, di umanità".(Segue)