**Ius Scholae: Fornaro, 'rinvio? C'è rischio ingorgo decreti ma ci proviamo'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 10 lug. (Adnkronos) – Un'infilata di decreti e il rischio che Cannabis e Ius Scholae possano slittare ad agosto, se non addirittura a settembre. "Il rischio c'è ma noi ci proviamo, vogliamo andare in aula e sia chiaro che tutta una questione di calendario. Non c'è nessun rinvio 'politico', non vogliamo finire cornuti e mazziati…" Federico Fornaro, capogruppo di Leu, alla Camera risponde così all'Adnkronos sul timing dei due provvedimenti che stanno agitando la maggioranza e sui quali la Lega promette guerriglia.

Fornaro, qual è la situazione? "E' tutta una questione di calendario. Ci sono una serie di provvedimenti, di decreti che hanno la precedenza. Diciamo che, se ci riusciamo, potremmo iniziare l'esame della Cannabis questa settimana e la prossima dello Ius Scholae. Tu hai un calendario ma dentro si inseriscono anche i decreti e questo rende le cose lunghe e problematiche".

Quindi nessun rinvio 'politico' per evitare temi divisivi per la maggioranza di governo? "Assolutamente no". Intanto però la Lega promette guerriglia in aula… "I tempi della discussione sono contingentati quindi… poi qualche cosa te la puoi sempre inventare per tirare un po' più a lungo". Ma a numeri come state? Alla Camera i due provvedimenti ce la faranno? "Un po' stretti ma ci sono. Il gruppo di Di Maio ha già dichiarato che voterà a favore". Poi ci sarebbe però lo 'scoglio' del Senato e lì la base di favorevoli è più ristretta… Fornaro, lei è comunque ottimista sul fatto di portare a casa Cannabis e Ius Scholae entro la legislatura? "Sono realista".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli