Ius Soli: Brescia, 'da relatore penso ci siano condizioni per Ius Scholae'

·1 minuto per la lettura
Ius Soli: Brescia, 'da relatore penso ci siano condizioni per Ius Scholae'
Ius Soli: Brescia, 'da relatore penso ci siano condizioni per Ius Scholae'

Roma, 15 mar. (Adnkronos) – "Una discussione sul tema della cittadinanza va affrontata senza paura e senza ideologia. In commissione abbiamo già concluso le audizioni, lontano dai riflettori dei media e dei partiti". Così Giuseppe Brescia (M5S), presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera e relatore della legge sulla cittadinanza, all'Adnkronos dopo il rilancio dello Ius Soli da parte del neo segretario del Pd, Enrico Letta. "Spero che nessuno usi questo tema come una bandierina. Non bisogna illudere nuovamente chi da anni chiede e aspetta invano una nuova legge".

Per Brescia il modello che potrebbe raccogliere maggiore consenso è quello che si snoda attorno allo Ius Culturae. "Lo dico molto chiaramente. Lo Ius Soli non è la soluzione. La cittadinanza va legata a un percorso di integrazione che solo la scuola può dare. Da relatore penso -sottolinea- ci siano le condizioni per ragionare sullo Ius Scholae, un modello concreto, pragmatico e credo anche più giusto”.

Un tema però divisivo, viste le reazioni immediate a Letta, nella maggioranza che sostiene Mario Draghi: "Ricordo che il tema non è nell’agenda di questo governo, né era nell’agenda del governo precedente, ma certamente con la maggioranza del governo Conte bis il percorso sarebbe stato più semplice. Poi Renzi e company hanno voluto interrompere tutto e si sono dati la zappa sui piedi anche su questo tema”.