Iv, Bernini (Fi): Italia Viva o Repubblica delle manette?

Pol/Vlm

Roma, 22 ott. (askanews) - "Conte ha presentato le manette agli evasori come una misura nuova, 'qualcosa di innovativo'. Ma la legge italiana prevede già il carcere per gli evasori: da un anno e mezzo a sei anni per frode fiscale, anche per evasioni di piccolo importo, da uno a tre anni per dichiarazione infedele. La realtà è che tutti i governi che hanno sbandierato misure draconiane per punire l'evasione fiscale, lo hanno sempre fatto nel tentativo di coprire gli aumenti indiscriminati di tasse". Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Fi.

"Invece di evocare lo Stato etico, basterebbe incrociare le banche dati già in possesso della Pubblica amministrazione e scoprire così una marea di infrazioni. E basterebbe intervenire sulla lentezza della giustizia: secondo i dati più recenti dell'Istat i reati tributari, infatti, arrivano a condanna definitiva solo nella metà dei casi rispetto a tutti i reati nel loro complesso. Siamo curiosi di vedere se Italia Viva, dopo aver accettato senza batter ciglio l'abolizione della prescrizione dal primo gennaio, accetterà anche di trasformare l'Italia nella Repubblica delle manette", conclude.