Iv: M5S, '13 domande a Renzi, non arretreremo di un millimetro' (2)

·2 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – E ancora: "Come spiega la mail inviata a un suo stretto collaboratore che conterrebbe l'indicazione di conoscere le scalette e di indirizzare i contenuti delle tv? Può inoltre spiegare i contenuti dell''accordo' – di cui si parla nelle carte dell'inchiesta – tra il suo ex-portavoce Agnoletti e Orfeo e dell''accordo' per Mediaset? Può spiegare il significato dell'espressione 'dare uno sguardo particolare su Gruber, Floris, Formigli, Giletti, Minoli'? Le paiono comportamenti consoni a un ex premier nonché leader di un partito e rispettosi della libertà di informazione? Le paiono accordi compatibili con incarichi dirigenziali nel servizio pubblico radiotelevisivo?".

"Lei ha spesso accusato altri partiti di usare social network per le loro 'macchine del fango', per le loro 'bestie' e le 'notizie false diffuse solo per screditare gli avversari'. Come spiega le carte emerse dall'inchiesta sulla fondazione Open secondo cui, nel marzo 2017, il coordinatore della sua comunicazione inviò una mail in cui si parlava esplicitamente di 16 persone che gestivano 128 account postando contenuti denigratori nei confronti del Movimento 5 Stelle? Ora che si scopre che queste iniziative venivano elaborate e discusse dai suoi collaboratori: intende prendere le distanze da loro e, nel caso in cui lavorino ancora con lei, intende allontanarli oppure certe condotte sono censurabili soltanto se attribuite ad altri?", attaccano i pentastellati.

"Al di là di eventuali divieti di legge, le sembra compatibile con il principio costituzionale di 'disciplina e onore' la condotta di un parlamentare che incassa lauti compensi dal Governo saudita e apprezza il 'nuovo rinascimento arabo' nonostante la innegabile compressione dei diritti fondamentali delle persone, in particolare delle donne e degli omosessuali, e le terribili accuse per l'assassinio del giornalista Khashoggi? Lei è stato componente in questa legislatura della Commissione Difesa e poi Esteri del Senato: come può un parlamentare garantire i cittadini italiani di difendere i loro interessi se si lascia finanziare da governi esteri?". "Lei, a parole, ha mostrato di avere a cuore le battaglie per i diritti civili. Le sembra coerente con queste dichiarazioni la sua assenza al momento del voto sul ddl Zan, in Senato, motivata da una ennesima trasferta in Arabia Saudita?".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli