Iv: Maria Elena Boschi, 'vorrei un figlio da Giulio Berruti' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Dietro i sorrisi, Maria Elena Boschi nasconde una brutta storia di stalking, che non ha potuto fare a meno di denunciare. "Ho deciso di farlo perché si era superato il limite. Una persona mi mandava delle foto per farmi capire che si trovava vicino a me, perché voleva incontrarmi, ma la cosa che più mi ha fatto preoccupare si è verificata quando è andato da Roma in Toscana, violando le regole Covid, perché voleva conoscere i miei genitori". "In questo momento -aggiunge la deputata- non ho paura per me perché io sono tutelata. Penso alle altre donne che si sentono sole e per le quali è più difficile avere il coraggio di denunciare”.

La carriera politica della Boschi è caratterizzata da un impegno costante che le ha portato soddisfazioni, ma anche tante critiche con le quali si è dovuta spesso scontrare: "All’inizio è stata molto dura. Sono stata catapultata da fare l’avvocato, a Firenze, a essere ministra a 32 anni. Ho ricevuto commenti atroci che non c’entravano con la politica ma con il mio essere donna. Tutto questo è mortificante. Negli anni ho imparato che se si esagera denuncio", dice.

Un racconto inedito che mostra anche gli aspetti più privati della deputata di Italia Viva, che conclude: "Qualunque cosa tu faccia nella vita, l’unica cosa che conta è quanto amore riesci a dare e quindi poi a ricevere in cambio. Il successo nella vita è avere accanto delle persone che ti vogliono bene".