Iv: ora cambiare metodo, ministro Scuola ascolti maggioranza

Pol/Arc

Roma, 28 dic. (askanews) - "Il problema non è solo cambiare ministro, anzi ministri, ma cambiare metodo. Fioramonti non c'era mai e non ha mai coinvolto la maggioranza". Lo dichiara Gabriele Toccafondi, capogruppo di Italia Viva in commissione Cultura alla Camera, a proposito dell'annuncio del presidente del Consiglio Conte sulla nomina dei ministri della Scuola e dell'Università, Azzolina e Manfredi.

"Chi aveva scelto, difeso e messo la faccia su Fioramonti ministro - continua - adesso ha deciso i suoi successori. Facciamo loro i nostri auguri e speriamo che almeno capiscano gli errori fatti - e sono tanti. Chi farà il ministro dell'Istruzione e dell'Università abbia chiaro da subito che c'è una maggioranza che non è disposta a stare a guardare mentre viene demolita la scuola dell'autonomia, della valutazione, del merito, della qualità. Altrimenti durerà meno del precedente".

"Siamo in maggioranza, abbiamo collaborato per migliorare il decreto Scuola e per trovare risorse nella legge di Bilancio. Abbiamo la coscienza a posto sul lavoro svolto in questi quattro mesi in favore della scuola, fatta per i ragazzi. Ma non siamo disponibili a vedere un altro ministro assente, che si palesa solo nelle interviste, che non ha mai riunito nè ascoltato la maggioranza, mai presente in commissione o in aula".

"Se il nuovo ministro all'Istruzione avrà i voti per decidere in autonomia faccia pure, altrimenti sarà bene che sia chiaro da subito che ha bisogno di tutta la maggioranza. Tutta", conclude l'esponente del partito di Renzi.