Ivanka Trump interrogata dalla Procura di Washington su indagine Inauguration Day

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·1 minuto per la lettura
Ivanka Trump  (Photo: BRENDAN SMIALOWSKI via Getty Images)
Ivanka Trump (Photo: BRENDAN SMIALOWSKI via Getty Images)

Ivanka Trump è stata chiamata a deporre davanti al tribunale di Washington nell’ambito di un’inchiesta secondo la quale il Comitato di inaugurazione del presidente Donald Trump nel 2017 avrebbe usato impropriamente i fondi dei donatori. Lo rivela una nuova carta depositata in tribunale.

Il documento, riportato per la prima volta dalla Cnn, rileva che Ivanka Trump, la figlia maggiore del presidente e consigliere senior della Casa Bianca, è stata sentita dall’ufficio del procuratore generale della capitale Usa. L’accusa è di un presunto spreco di fondi dell’organizzazione no profit. Il comitato avrebbe impiegato più di 1 milione di dollari in pagamenti impropri, anche al Trump Hotel di Washington, durante la settimana dell’inaugurazione nel 2017.

L’interrogatorio di ieri, 2 dicembre, è stato condotto sotto giuramento dal procuratore generale del Distretto di Columbia Karl Racine. Diversi testimoni erano già stati interrogati a novembre, incluso Tom Barrack, presidente del comitato per l’inaugurazione. La procura ha emesso richieste di accesso agli atti nei confronti di una serie di figure e personalità vicine a Trump, inclusa la first lady Melania.

Leggi anche...

Per Ivanka Trump il trasloco dalla Casa Bianca segna l’alba di una carriera politica?

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.