Ivano Marescotti si ritira dalle scene: "Faccio come Nicholson"

·2 minuto per la lettura
ivano marescotti
ivano marescotti

Per l’attore Ivano Marescotti è arrivato il momento di ritirarsi dalle scene. In modo del tutto inaspettato, ha comunicato la sua decisione ai fan tramite il suo profilo Facebook. La sua vita proseguirà ‘dietro la regia’.

Ivano Marescotti si ritira dalle scene

Ivano Marescotti, attore con una grandissima carriera alle spalle, ha deciso di ritirarsi dalle scene. Non sappiamo quanto tempo fa abbia maturato questa idea, ma la sua scelta ha lasciato senza parole i tanti fan che lo seguono da sempre con affetto. Tramite il suo profilo Facebook, Ivano ha annunciato di aver seguito l’esempio del collega Jack Nicholson che, come lui, ha scelto di appendere la recitazione al chiodo a 73 anni. Marescotti ha scritto:

“Seguendo l’esempio di Jack Nicholson che a 73 anni s’è ritirato dalle scene (si deve pur avere un modello) per godersi la vecchiaia, comunico che mi ritiro dalle scene e non faccio più l’attore“.

Cosa farà dopo il ritiro Ivano Marescotti?

Ivano si ritira dalle scene, ma non ha nessuna intenzione di andare in pensione. L’attore continuerà ad occuparsi della scuola di recitazione Teatro Accademia Marescotti (Tam). Ha scritto:

“Ringrazio la mia agente a Roma, Maria Vittoria Grimaudo, i giornalisti critici che mi hanno sempre trattato immeritatamente bene, tutti i produttori e registi nonché i molti colleghi attori e attrici coi quali ho avuto il piacere e l’onore di lavorare. Mi tengo solo la scuola TAM (Teatro Accademia Marescotti) con 15-20 allievi ogni anno ai quali insegno recitazione”.

Pertanto, Ivano continuerà a lavorare, ma lo farà ‘dietro la regia’. Si occuperà dei suoi allievi a tempo pieno, con la speranza di veder nascere un suo degno erede.

La carriera di Ivano Marescotti

Classe 1946, Ivano Marescotti nasce a Villanova di Bagnacavallo, in provincia di Ravenna. Inizia a muovere i primi passi in teatro, lavorando con grandi nomi, come: Mario Martone, Carlo Cecchi, Giampiero Solari, Giorgio Albertazzi e Marco Martinelli. Il debutto nel mondo del cinema arriva nel 1989, con una piccola parte nel film La cintura. Da questo momento in poi, la sua carriera è in continuo crescendo. Lavora con grandi registi, come: Anthony Minghella (Il talento di Mr. Ripley), Ridley Scott (Hannibal), Roberto Benigni (Johnny Stecchino e Il Mostro), Marco Risi (Il muro di gomma), Pupi Avati (Dichiarazione d’amore), Gabriele Muccino (A casa tutto bene), Carlo Mazzacurati (La giusta distanza e Vesna va veloce), Daniele Lucchetti (Il portaborse). Tra le sue ultime partecipazioni si ricordano quelle accanto a Checco Zalone, in Cado dalle nubi e Che bella giornata, e nella serie A casa tutti bene.