J-Ax ha avuto il Covid: lo sfogo

·2 minuto per la lettura
j ax covid
j ax covid

J-Ax ha avuto il Covid-19. Oggi è negativo, ma soltanto adesso ha avuto voglia e coraggio di parlare dell’ultimo mese della sua vita. Il rapper è arrabbiato e le sue critiche sono rivolte esclusivamente al Governo.

J-Ax ha avuto il Covid-19

L’ultimo mese è stato molto difficile per J-Ax e per tutta la sua famiglia: lui, la moglie e il figlio hanno avuto il Covid-19. Fino al risultato negativo del tampone ha preferito non parlare, ma adesso vuole togliersi qualche sassolino dalle scarpe. In un lungo video denuncia pubblicato sui suoi canali social, ha dichiarato:

“E’ stato uno dei periodi più brutti della mia vita: ho avuto il Covid. Sono stato male ed è stato il periodo peggiore della mia vita. Lo stomaco si piega in due, le ossa ti fanno male… Questo e altro che evito di raccontarvi. Soprattutto l’ansia di non sapere cosa succederà… La paura, mia e di mia moglie, di lasciare un figlio orfano. Ti senti abbandonato, non dagli amici, dallo Stato. Io ho vissuto questa situazione da privilegiato, ma come può una famiglia con 3 figli che vive in un bilocale uscirne?”.

J-Ax è arrabbiato come non mai e non smette di sottolinearlo. Non ce l’ha con gli amici, che non gli hanno mai fatto mancare un “sacchetto di spesa“, ma con lo Stato. Ha proseguito:

“Ho visto la salute mentale di mio figlio deteriorarsi e questo è un aspetto di cui nessuno parla. Allora sale la rabbia, pensando all’incapacità di gestire un’emergenza pubblica. E’ passato un anno, è una questione esclusivamente politica ed è un fallimento politico che gli italiani non siano stati vaccinati in massa. Ci siamo indebitati negli anni per opere inutili, poi cosa facciamo con i vaccini? I vaccini esistono, ma c’è stato un catastrofico fallimento di chi ci amministra in Italia e in Europa. Gli italiani la pagano con la morte, loro e dei propri cari. Non c’è più tempo per sbagliare, solo agire”.

Il rapper e tutta la sua famiglia, fortunatamente, hanno superato il Covid-19, ma la rabbia resta.