"J-Ax e Fedez arrestati", ma è fake news: pm perdona autore della bufala, ecco perché

·1 minuto per la lettura

Nell'aprile 2017 un sito diffondeva la notizia, falsa, dell'arresto di J-Ax e Fedez col titolo: "J-Ax e Fedez arrestati con 28 grammi di cocaina nella macchina“. Oggi, quattro anni dopo la denuncia per diffamazione avanzata dai cantanti, il sostituto procuratore milanese Isabella Samek Lodovici ha chiesto l’archiviazione dell’inchiesta in base all’articolo 51 del codice penale.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera l'archiviazione è arrivata in quanto il sito, rollingston.live (ben diverso dalla blasonata omonima rivista musicale), è un noto fabbricante di notizie false. “La disinformazione non può essere considerata lecita”, tuona la difesa di Fedez, che si è opposta alla richiesta della Procura.

La notizia, diffusa quella sera, era ricca di dettagli inventati. Nella fake news dell’arresto di J-Ax e Fedez veniva raccontato che i due cantanti avrebbero imboccato contromano a Milano via Montenapoleone, venendo fermati dai carabinieri che nella loro auto avrebbero trovato droga. Il fatto sarebbe avvenuto sotto gli occhi di un testimone, come a dare maggior veridicità all'accaduto. J -Ax e Fedez, non appena la questione si diffuse sul web, si ritrovarono a doverla smentire all’Ansa e poi a presentare una querela per diffamazione.

Nelle motivazioni del magistrato al giudice per le indagini preliminari si legge che il modus operandi dell'indagato, un 38enne umbro, non è punibile penalmente perché “si colloca nel contesto della disinformazione che spesso caratterizza l’ambito delle notizie dedicate al cosiddetto gossip con la spettacolarizzazione del pettegolezzo”.

VIDEO - L’aspro sfogo di J-Ax contro i negazionisti e i no vax: “Terroristi che si stanno radicalizzando on line”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli