Jarring Effects, un festival per celebrare 25 anni di musica indipendente

Jarring Effects, un festival per celebrare 25 anni di musica indipendente

Nel suggestivo quartiere Croix-Rousse di Lione, l'etichetta Jarring Effects tiene alta la fiamma della musica indipendente.

Dub, elettronica, house, hip hop, rock, le differenze fra generi si sfumano in questo gruppo di artisti e progetti musicali che ha trovato casa sulla collina della città. E che questo fine settimana festeggia una storia lunga più di 25 anni con un festival a Villeurbanne, capitale francese della cultura.

Con questo festival Jarring Effects festeggia 27 anni di "audio-attivismo", come ci piace definirlo - spiega Mr Mo, Label Manager - Non cerchiamo musica di tendenza o mainstream, ma proteggiamo i nostri artisti, ciò che ci piace. Non ci adattiamo agli steccati e al contrario ci piace rompere gli schemi. È davvero un esercizio di apertura mentale per accogliere il maggior numero di artisti, associando l'elettronica a stili che vanno dalla techno alla musica urbana, e anche alla world music".

Musica di protesta e gruppi cult

Tra gli artisti di punta di Jarring Effects, c'è Sociedade Recreativa, dal Brasile, "audio-attivista" che prende di mira la politica di Bolsonaro.

L'etichetta si è fatta conoscere scritturando gruppi locali come Le Peuple de l'Herbe o Hightone, simbolo della dub in Francia e in Europa alla fine degli anni '90.

"Abbiamo sempre lavorato con gli abitanti del quartiere: questa è la base - spiega Céline Frezza, direttrice artistica. Allo stesso tempo abbiamo cercato di uscire all'estero e in particolare nei primi Paesi con i quali abbiamo collaborato, come la Bosnia-Erzegovina e il Sudafrica. L'asse internazionale nasce dall'esigenza di creare una rete di cooperazione tra chi sostiene una nuova modalità di fare musica e di stare insieme".

Per il Jarring Festival, sul palco questo fine settimana a Villeurbanne saliranno molti artisti. Tra questi Flore, fra le DJ più famosi di Lione, che condividerà la consolle con la sua collega marocchina Glitter55, per creare un mix di techno, house, dub e musica di altri continenti.

Una versione condensata della filosofia musicale di Jarring Effects.