Jeff Mills a Milano e Bari per anteprima mondiale nuova colonna sonora di 'Metropolis'

·1 minuto per la lettura

Milano e Bari sono le due città scelte per l’anteprima mondiale della performance dal vivo del dj e produttore statunitense Jeff Mills, che presenterà dal vivo la nuova versione della colonna sonora di 'Metropolis', film cult del 1927 diretto da Fritz Lang, tra i kolossal più famosi e apprezzati della storia del cinema. Le date italiane sono previste per il 1 luglio al Magnolia Grand Theater di Milano e il 2 luglio alla Casa delle Arti di Bari.

La trama di Metropolis tratta la mutazione del mondo vittima del capitalismo e ha segnato l’immaginario di molti registi, influenzando anche altri film monumentali come 'Blade Runne' e 'Guerre Stellari'. Sul versante musica, 'Metropolis' ha ispirato il videoclip di 'Radio Ga Ga' (che vede i Queen ripercorrere alcuni momenti del film), l’audace colonna sonora firmata da Giorgio Moroder ‒ contenente anche un brano cantato da Freddie Mercury ‒ per una nuova versione ridotta del 1984 o il video diretto da David Fincher, nel 1989, per il singolo di Madonna 'Express Yourself'.

Mills pubblicò la colonna sonora nell’omonimo album nel 2000, ora 21 anni dopo l’esperimento si evolve e l’artista di Detroit aggiunge nuovi tasselli alla sua visione techno epica. Pioniere della sperimentazione elettronica, Mills ha rimodulato uno spettacolo dal vivo che durerà quanto l’intera versione del film. 155 minuti di sonorizzazione intensa, dove rispetto alla prima versione ha aggiunto suoni mimali e campionamenti inediti, loop e climax ipnotiche che lo hanno consacrato come il primo sperimentatore del cinemix. Un mix distropico di suoni e immagini, frame e synth che coniuga le scene del film con la visione musicale che Mills ha raffinatamente modellato negli anni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli