New Jersey, carcerata transgender mette incinte due detenute

Demi Minor
Demi Minor

Demi Minor, 27 anni, ha messo incinte due detenute nella prigione femminile Edna Mahan Correctional Facility di Clinton, in New Jersey. La 27enne è una detenuta transgender che sta scontando 30 anni di carcere per omicidio colposo.

Due detenute messe incinte da una carcerata transgender

La notizia si apprende da Fanpage, su cui è scritto che Dan Sperrazza, un portavoce del Dipartimento Statale di Correzione (NJDOC), ha dichiarato a NJ.com che due donne sono rimaste incinte dopo aver avuto “rapporti sessuali consensuali con un’altra persona incarcerata“. La detenuta indicata è stata proprio Demi Minor, per cui è stato chiesto il trasferimento presso un’altra struttra di detenzione.

Demi Minor accusa di violenza gli agenti del carcere

Di tutta risposta, Demi Minor ha accusato di essere stata picchiata e maltrattata dagli agenti di polizia durante il trasferimento da una prigione all’altra. Dalla parte della detenuta Transgender vi sono molte persone che chiedono “Justice 4 Demi“, che è tra l’altro il nome del suo sito internet. La denuncia di Demi Minor, unita a quella di altre detenute, ha creato una polemica riguardo la prigione Edna Mahana. La struttura è l’unico carcere femminile del New Jersey e il governatore, dopo alcuni scandali legati alla prigione, aveva già intenzione di chiuderla definitivamente.

Sperrazza (NJDOC) annuncia che forse ci saranno cambiamenti per i detenuti Transgender

Intanto, sempre Sperrazza del NJDOC ha dichiarato che “il dipartimento sta attualmente rivedendo la politica relativa ai detenuti transgender con l’intenzione di implementare piccole modifiche“. Nel New Jersey i detenuti sono ospitati in base alla loro identità di genere dopo che una detenuta trasngender, che è stata per 18 mesi in una carcere maschile, ha fatto causa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli