Jesolo, 30 centesimi per l'acqua del cane in un locale sulla spiaggia

Lo scontrino: 30 centesimi per l'acqua del cane


"Fufy ha sete, facciamolo bere, chiediamo una bacinella perché si idrati un po'". E' quello a cui hanno pensato marito e moglie, proprietari dell'assetato cane, mentre stavano facendo un aperitivo sulla spiaggia in un locale di Jesolo.

Al cameriere che ha portato loro lo spritz e il prosecco, hanno domandato anche un goccio d'acqua per l'animale che li accompagnava. E così è successo: il cameriere è tornato con una coppetta da gelato e Fufy ha finalmente bevuto.

Peccato che i due padroni non si aspettassero proprio, prima di andarsene, di trovare sullo scontrino anche il conto di quella coppetta. "Acqua cane: 0,30 euro", si legge chiaramente sulla ricevuta. Hanno pagato, ma per poi scattare una foto dello scontrino e caricarla immediatamente su Facebook.



I commenti su Facebook

L'immagine ha fatto il giro del web, tra numerosi insulti rivolti ai gestori del locale jesolano e chi invece ha voluto difendere la scelta di farsi rimborsare di quei 30 centesimi.

"Vergognatevi tutti", ha scritto un utente, "una grande perdita di tempo ed energie per una famiglia che paga le tasse e lavora onestamente: io ero lì e i 30 centesimi erano per la coppetta di cartone, senza mettere in conto il personale che deve servire il cane dell'acqua".

Oppure: "Io non trovo la cosa così irragionevole... Mi spiego: io mi porto sempre la ciotola pieghevole appresso e appena trovo una fonte d'acqua faccio bere il mio cane. Sul marciapiede, fuori. Se andassi in un bar e chi mi serve deve: sporcare una ciotola, portarmi l'acqua al tavolo, asciugare il pavimento quando mi alzo (eh sì, perché il cane - almeno quelli che conosco io - una goccia dal muso la perde) e lavare la ciotola... Beh, sono in ferie, 30 centesimi li spendo... magari poi vado in una terrazza pet friendly dove con l'acqua mi portano il biscottino e le carezzine, ma quella è un'altra storia", ha commentato un altro.



GUARDA ANCHE: