Jill Biden, la nuova First Lady di origini italiane che adora insegnare

Red
·2 minuto per la lettura

Roma, 6 nov. (askanews) - Jill Tracy Jacobs, la prossima First Lady statunitense, è nata 1951 nel New Jersey ed è cresciuta a Willow Grove, Filadelfia. Figlia di un italo-americano, Dominic, nipote di Gaetano Giacoppa arrivato dalla Sicilia a Ellis Island, Jill ama ricordare la sua infanzia da americana di origini italiane, tra polpette al sugo di nonna Concetta e feste dall'aria paesana, con il nonno che diceva: in famiglia "si finisce a tarallucci e vino".

Una laurea, due master, un phd in pedagogia, Jill Biden insegna da sempre e avverte che non smetterà neppure da first lady: "per me insegnare non è cosa faccio, è cosa sono", afferma. Si vedrà. Gli amici, i colleghi, la descrivono come una donna dal grande senso dell'umorismo, a cui piace scherzare e fare ridere. Una caratteristica che ha certo aiutato il matrimonio con Joe Biden avvenuto nel 1997, quattro anni dopo la morte in un incidente d'auto della prima moglie e della figlia minore del neo-eletto presidente democratico, da cui ha avuto una figlia, Ashley, nel 1981.

Oggi 69 anni, i colleghi sostengono che Jill è certo un'appassionata insegnante, ma è diventata anche la prima consigliera del marito, con un grande peso sulle sue decisioni in politica. Prima della nomina di Kamala Harris a candidata vicepresidente, Jill ha ammesso di avere aiutato Joe nei colloqui con le altre in lista. Lei non ama l'etichetta di 'consigliera', piuttosto, raccontano le amiche, si sente la confidente del cuore di Joe. Moglie e marito, malgrado le diverse e affollate agende quotidiane, trascorrono molto tempo assieme e cercano di incrociarsi durante la giornata.

Nella sua autobiografia 'Where the Light Enters: Building a Family, Discovering Myself', Jill Biden si descrive in realtà come introversa e a lungo riluttante a diventare una 'moglie politica'. Ma dopo otto anni da Second lady, il ruolo le riesce più che bene. Durante la campagna elettorale è apparsa spesso in eventi in teleconferenza, dal fund-raising al dibattito con giovani LGBTQ e rivolgendosi spesso agli elettori latino-americani. Senza mai rinunciare all'insegnamento: è stata vista spesso correggere i compiti dei suoi studenti a bordo dell'Air Force Two, l'aereo del marito da vicepresidente.