Joaquin Phoenix: "Un sequel di Joker? Sarebbe bello. Per il ruolo ho perso 23 chili: sentivo di impazzire"

HuffPost
-

Joker” è arrivato al cinema da pochi giorni, ma visto il grande successo qualcuno già pensa al sequel. A parlarne è lo stesso protagonista, Joaquin Phoenix, che ha dichiarato: “Non pensavo che questo film sarebbe stato così importante per me. Onestamente, non riesco a smettere di pensarci. Ne ho parlato con Todd Phillips, mi piacerebbe lavorare di nuovo con lui. Se ci fosse qualcos’altro da fare insieme, sempre su Joker, sarebbe molto interessante. Le strade da percorrere sono infinite”. A riportarlo è l’Independent.

Intanto Phoenix e il regista si godono il trionfo ai botteghini: negli Stati Uniti, “Joker” ha incassato più di 93 milioni di dollari in un solo weekend e anche in Europa la pellicola sta riscuotendo enorme successo.

VIDEO - Il trailer di “Joker” con Joaquin Phoenix

 

Un film che ha richiesto una grande preparazione, non soltanto artistica. “La prima cosa è stata la perdita di peso: 23 chili. Questo è davvero quello con cui ho iniziato. Le conseguenze le ho notate anche nella mia psiche. Inizi davvero a impazzire quando perdi quella quantità di peso in così poco tempo”, ha detto Joaquin Phoenix.

L’attore ha aggiunto: “Mi nutrivo con una mela al giorno, lattuga e fagiolini al vapore. Non è una novità nella mia carriera. È molto difficile perdere peso, ma si fa tutto ciò che è necessario per interpretare il personaggio”. 

La perdita di peso, dunque, è stata fondamentale per la preparazione del ruolo. Per interpretarlo e per sviluppare la danza del personaggio, Phoenix dice di essersi ispirato a Ray Bolger, lo spaventapasseri del Mago di Oz: “Chi mi ha influenzato maggiormente è stato lui”.

Leggi anche...

Continua a leggere su HuffPost