Joe Biden reagisce allo schiaffo diplomatico di Opec+

L'Occidente, e più specificamente gli Stati Uniti, hanno ricevuto uno schiaffo diplomatico con la decisione del cartello OPEC+ di tagliare la produzione di petrolio. Essa va contro gli sforzi per isolare la Russia e e mantenere bassi i prezzi del carburante. Bructto colpo per Joe Biden in vista delle elezioni di medio termine negli Stati Uniti. La Casa Bianca ha condannato il gesto.

Dice Karine Jean-Pierre, addetta stampa della Casa Bianca: "La decisione dell'OPEC di tagliare le quote di produzione è miope mentre l'economia globale sta affrontando il continuo impatto negativo dell'invasione dell'Ucraina da parte di Putin. Ci sarà un impatto significativo sui prezzi della decisione dell'OPEC particolarmente sui paesi a reddito medio e basso".

L'Arabia Saudita, membro dell'organizzazione, ha giustificato la mossa del cartello come guidata dal mercato.

Così Abdulaziz bin Salman, ministro dell'Energia dell'Arabia Saudita: "Dobbiamo essere proattivo. È un principio semplice che ci siamo trovati a implementare. Quel dispiegamento ci ha permesso di mantenere un mercato petrolifero sostenibile".

La Casa Bianca ha chiarito di considerare la decisione di ridurre la produzione giornaliera di 2 milioni di barili come una mossa geopolitica. Il cartello della produzione petrolifera, in cui il segno più rappresenta l'inclusione della Russia, è ben consapevole che il taglio farà salire il prezzo del petrolio di cui beneficerà Mosca e il suo finanziamento della guerra in Ucraina.