Joe e Jill Biden visitano i bambini ricoverati in ospedale

·2 minuto per la lettura

AGI - Il presidente Usa, Joe Biden, e sua moglie Jill hanno fatto una visita ad alcuni bambini ricoverati in un ospedale di Washington che non possono tornare a casa per Natale.

Il capo della Casa Bianca e la first lady hanno incontrato i piccoli del Children's National Hospital. È una tradizione di lunga data che le first lady visitino questo nosocomio durante le vacanze natalizie, ma la presenza del presidente ha colto di sorpresa i pazienti, le loro famiglie e il personale medico.

È infatti la prima volta nella storia che un presidente degli Stati Uniti si unisce a questa visita, ha spiegato alla stampa la Casa Bianca. 

All'arrivo, la coppia presidenziale è entrata in una stanza dove si trovava un gruppo di 3 bambini, di cui uno sulla sedia a rotelle. Stavano svolgendo dei lavoretti e il presidente ha parlato e scherzato con loro.

La first lady ha detto a uno di loro che ora c'è un nuovo animale domestico alla Casa Bianca: un cucciolo di pastore tedesco di nome Commander. "Stamattina stava mangiando le mie pantofole", ha scherzato Jill, che insegna da più di 40 anni in un college comunitario ad Alexandria, in Virginia, vicino a Washington.

Dopo aver parlato con altri bambini, la coppia presidenziale è salita su un palco e si è seduta sotto un grande albero di Natale, ai cui piedi erano ammucchiati vari doni.

La first lady ha letto il libro "Frozen Olaf's Night Before Christmas", il cui protagonista, Olaf, è un pupazzo di neve innocente e amante dell'estate apparso per la prima volta nel film "Frozen, il regno del ghiaccio" (2013).

La tradizione della visita delle first lady al National Children's Hospital è iniziata con Bess Truman, moglie del presidente Harry Truman (1945-1953). Joe e Jill Biden trascorreranno il loro primo Natale da presidente e first lady alla Casa Bianca.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli