Johnson oggi in Scozia, 300 mln di fondi per tenere unito il Regno -2-

Coa

Roma, 29 lug. (askanews) - Per il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon, la Scozia, che ha votato per rimanere nell'Unione Europea al referendum del 2016, ha bisogno di una "opzione alternativa" alla strategia per la Brexit di Boris Johnson. Quest'ultimo ha promesso che il Regno Unito lascerà l'Ue il 31 ottobre, con o senza accordo con Bruxelles.

Sturgeon, a capo dello Scottish National Party (SNP), ha dichiarato che il parlamento scozzese potrebbe legiferare nei prossimi mesi su un voto per lasciare il Regno Unito. Da parte sua, il primo ministro irlandese Leo Varadkar ha avvertito che una Brexit senza un accordo con Bruxelles spingerebbe più cittadini dell'Irlanda del Nord a "sfidare l'unione" del Regno.