Johnson promette pieno sostegno ai profughi afghani nel Regno Unito

·1 minuto per la lettura

AGI - Il primo ministro britannico Boris Johnson ha promesso di dare un "caldo benvenuto" a migliaia di rifugiati afghani che sono arrivati nel Regno Unito. La sua dichiarazione arriva dopo essere stato criticato per la sua gestione sulle evacuazioni dall'Afghanistan. 

Il governo ha annunciato che gli afgani che hanno lavorato per il Regno Unito nel loro paese d'origine e sono stati evacuati avranno un permesso di soggiorno a tempo indeterminato, che darà loro il diritto di lavorare ed eventualmente richiedere la cittadinanza britannica. Riceveranno inoltre assistenza sanitaria gratuita, formazione in lingua inglese e borse di studio universitarie, come parte di uno schema governativo chiamato 'Warm Welcome'. 

"Abbiamo un debito enorme verso coloro che hanno lavorato con le forze armate in Afghanistan e sono determinato a dare a loro e alle loro famiglie il sostegno di cui hanno bisogno per ricostruire le loro vite qui nel Regno Unito", ha affermato Johnson.

La Gran Bretagna ha evacuato più di 15.000 persone dall'Afghanistan dal 13 agosto, delle quali oltre 8.000 sono cittadini afghani che lavoravano come interpreti. Ma il governo ha avuto una raffica di critiche per l'operazione di esfiltrazione, che si è conclusa sabato scorso senza evacuare tutti coloro che volevano andarsene dall'Afghanistan. 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli