Johnson: "Si parte, Brexit entro gennaio"

Britain's Prime Minister Boris Johnson eats a portion of pie on the campaign bus after a visit to the Red Olive catering company in Derby, Britain December 11, 2019 on the final day of campaigning before a general election. Ben Stansall/Pool via REUTERS
Ben Stansall/Pool via REUTERS

"Con questo mandato finalmente realizzeremo la Brexit". A dirlo è il premier del Regno Unito Boris Johnson parlando a Londra dopo la vittoria memorabile che gli ha permesso di schiacciare i Labouristi. E mentre invita i suoi sostenitori a ripetere all'unisono lo slogan della sua campagna, "Get Brexit done", ribadisce anche: "Metterò la parola fine a tutte le assurdità di questi tre anni e realizzerò la Brexit entro gennaio, senza se e senza ma".

Risultato migliore dai tempi della Thatcher

Sì, perché ora il primo ministro ha davvero tutti i numeri necessari in Parlamento per far approvare il suo accordo con la Ue sulla Brexit. E di numeri così, non se ne vedevano da tempo. Secondo la Bbc, questo è il risultato migliore dei Tory dal 1987, dai tempi di Margaret Thatcher. "E' la più grande vittoria dagli Anni '80, quando molti di voi non erano neanche nati", esulta Johnson. "Adesso uniamo il Paese per la prima volta!".

E ancora: "Abbiamo provocato un terremoto e cambiato la mappa politica del Paese, dobbiamo cambiare il partito per essere all'altezza", dice il premier parlando con il suo staff in festa. "Ho ricevuto un mandato straordinario”.

Il tweet di Trump: “Ora via all’accordo commerciale”

Anche Trump gli manda da oltreoceano le sue più grandi felicitazioni su Twitter. Aggiungendo che "adesso Gran Bretagna e Usa sono liberi di mettere a punto un grande nuovo accordo commerciale dopo la Brexit. Questo accordo ha il potenziale per essere il più redditizio di qualsiasi accordo mai siglato con l'Ue".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli