Jovanotti non le manda a dire: "Econazisti che non siete altro"

Jovanotti
Jovanotti

Jovanotti è un tipo che di certo non le manda a dire. Su Instagram il rapper, molto arrabbiato, ha dato vita a un duro sfogo nel corso di una diretta Instagram scagliandosi contro i cosiddetti econazisti. Jovanotti ha spiegato che al Jova Beach Party, concerto itinerante estivo con lui protagonista, non c’è spazio per il lavoro nero, né tantomeno greenwashing. Ha inoltre precisato: “Se voi, econazisti che non siete altro, volete continuare ad attrarre l’attenzione utilizzando la nostra forza, sono fatti vostri. Il nostro è un progetto fatto bene che tiene conto dell’ambiente”. Le parole di Jovanotti arrivano in seguito al blitz dell’ispettorato del Lavoro di Ascoli Piceno. L’artista ha respinto qualsiasi accusa e sospetto nei suoi confronti.

Jovanotti contro gli econazisti: smentito il lavoro nero

La sera del 4 agosto scorso, la Trident (la società che produce e organizza i live di Jovanotti) ha smentito il lavoro nero, descrivendo il tutto come “inadempianze formali” immediatamente risolte. Jovanotti ha precisato: “Il lavoro nero per me è una piaga enorme, una cosa molto seria”.

Il lavoro con la Trident

Jovanotti ha dichiarato di lavorare con la Trident e il suo fondatore, Maurizio Salvadori, dal 1988. Da quell’anno insieme hanno fatto moltissimi eventi e in nessuno di essi ha mai avuto contestazioni sul piano lavorativo e legislativo. Salvadori, che è apparso accanto a Jovanotti nella diretta IG, ha specificato che quella del lavoro nero sia un’ “accusa veramente pesante, per chi cerca di lavorare sempre al meglio: non esiste lavoro nero al Jova Beach Party, può esistere qualche infrazione formale”.

Qui sotto potete recuperare il video condiviso su Instagram da Jovanotti dove l’artista si lamenta delle polemiche che gli sono piombate addosso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli