Juncker sarà operato per un aneurisma cerebrale

Il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, subirà l'11 novembre un intervento chirurgico per trattare un aneurisma cerebrale. Lo ha detto all'AGI la portavoce della Commissione, Mina Andreeva.

Da domani l'esecutivo Juncker sarà in affari correnti in attesa dell'entrata in funzione dell'esecutivo presieduto da Ursula von der Leyen, prevista per l'1 dicembre se ci sarà la conferma da parte dell'Europarlamento.

Lo scorso 23 ottobre Juncker a Strasburgo aveva tenuto il suo ultimo intervento da presidente della Commissione europea. Un lungo discorso per dire addio all'Europarlamento, dopo cinque anni di lavoro comune, a volte segnati da polemiche e scontri, e con un bilancio in chiaroscuro: il presidente uscente della Commissione. Juncker ha rivendicato successi e delusioni davanti alla plenaria di Strasburgo che gli ha reso per l'ultima volta omaggio.

Un unico momento di commozione, quando ringrazia i suoi commissari "perché senza di loro non avrei potuto fare nulla". Al termine del discorso gli eurodeputati si sono alzati ad applaudire Juncker, ottenendo una standing ovation. 

Con la fine dell'esecutivo Juncker si chiude un'epoca nell'Ue. Nel corso della sua lunga carriera politica, Juncker ha partecipato a quasi 600 incontri a livello europeo: 147 Vertici, 21 Euro Summit, 164 Eurogruppo, 197 Ecofin, 29 riunioni del Consiglio Bilancio e 38 di quello Affari sociali