Juncker senza rimpianti: "Felice di lasciare"

webinfo@adnkronos.com

"Non sono l'uomo degli addii: ho già pianto, e tanto basta. Volevo dirvi che lascio la guida della Commissione con qualche elemento di soddisfazione e con alcuni rimpianti, numerosi, ma sono felice di lasciare, perché essere presidente della Commissione Europea non è un incarico dei più facili". Lo dice il presidente uscente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker, sceso in sala stampa a Bruxelles per salutare i corrispondenti al termine del suo mandato.  

"Mi hanno regalato un libro, 'Il lavoro più difficile del mondo': pensavo fosse quello di segretario generale dell'Onu, ho scoperto che è quello di presidente della Commissione Europea", conclude.