Junior Cally: "Soffro di DOC, sono alcolista e dipendente dal sesso. Entro in rehab"

·2 minuto per la lettura
(Photo: Mondadori Portfolio via Mondadori Portfolio via Getty Im)
(Photo: Mondadori Portfolio via Mondadori Portfolio via Getty Im)

Junior Cally ha affidato ha Instagram un lungo sfogo, per rendere i suoi fan partecipi del difficile periodo affrontato negli ultimi due anni. Nel post, spiega di essere alcolista e dipendente dal sesso, per questo entrerà in riabilitazione. Il rapper era in gara a Sanremo nel 2020 con il brano “No grazie”. La sua partecipazione aveva attirato molte critiche: secondo i detrattori, alcuni sui vecchi testi erano misogini e istigavano alla violenza contro le donne, per questo ne chiedevano l’esclusione dalla kermesse.

“Sono un alcolista e soffro da anni di DOC (disturbo ossessivo compulsivo)” scrive oggi sui social Junior Cally, “Nei momenti più bui di questo ultimo periodo, dove il DOC tornava ad essere padrone della mia vita trovavo rifugio nel bicchiere. Il bicchiere mi era diventato amico, mi rendeva libero e mi disinibiva, mi dava la forza per fregarmene di tutto ed andare avanti. Da stordito non avrei mai acceso e spento la luce 4+4+2 volte. Anche il sesso è diventato una malattia, una dipendenza da curare, perché anche quello è diventato compulsivo, incontrollabile, irrefrenabile”.

A settembre uscirà il nuovo album del rapper, “Un passo prima”. Nel frattempo lui ha deciso di entrare in rehab per curare le sue dipendenze: “Perché un passo prima? Perché ho deciso di fermarmi prima che sia troppo tardi, ho scelto la vita e ho deciso di respirare e di pensare alla mia salute mentale e non. Questi sono stati due anni da incubo, dove tutti sapete che razza di inferno ho passato a livello mediatico. E non parlo ‘solo’ del lockdown e delle difficoltà con le quali tutti abbiamo dovuto scontrarci nelle quattro mura di casa nostra. Pensavo di essere forte e solido a sufficienza per superarla facilmente e invece no, a distanza di quasi due anni mi ritrovo ancora qui a leccarmi le ferite. Non sono invincibile”.

La decisione di isolarsi per un po’ è stata presa in accordo con il suo psicologo: “Da sabato inizierò un percorso contro le dipendenze dove non potrò vedere nessuno che conosco, dove non potrò usare il telefono e dove ovviamente non potrò più bere. Andrò in un posto dove mi auguro di poter trovare le forze di guardarmi dentro, un posto in cui vomitare tutte le mie paure per liberarmene una volta per tutte. Spero di riuscire a farvi incontrare una versione di me migliore, una persona che non accarezza la morte con un bicchiere in mano”.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli