Just Eat, prima azienda italiana ad assumere direttamente i propri riders come lavoratori subordinati

·2 minuto per la lettura

Zeta Service, azienda specializzata da 18 anni in payroll, consulenza del lavoro e hr in outsourcing, è diventata il partner esclusivo per l’Italia per l’amministrazione del personale di JustEat, parte di Just Eat Takeaway.com, leader nel mercato della consegna di cibo a domicilio, il primo operatore di food delivery ad aver deciso di regolarizzare a livello contrattuale la posizione dei suoi riders.

Si tratta di un'operazione ad alto valore sociale di cui Just Eat ha scelto di essere pioniera di nuova visione e un nuovo panorama per il settore del food delivery. Una scelta lungimirante che ha messo i lavoratori al centro della strategia dell’azienda e che si spera possa innescare un processo di emulazione da parte di altri competitor.

Per questo passo importante, Just Eat ha scelto di avere al proprio fianco un esempio di eccellenza nella gestione dei dipendenti, Zeta Service, fondata da Silvia Bolzoni e guidata con i figli Debora e Ivan Moretti, eletta come l’azienda più felice e più volte ai primi posti della classifica Great Place to Work (anche a livello europeo) per l’ambiente di lavoro positivo e stimolante, e, in aggiunta, anche in diverse classifiche di categorie specifiche: millennial, donne e innovazione.

Dal 1° marzo 2021 Zeta Service ha avviato, per Just Eat, la gestione di payroll, consulenza del lavoro e pratiche amministrative, supportando il cliente nell’assunzione di oltre 6 mila lavoratori.

Questa operazione permette ai riders di godere delle tutele delle condizioni contrattuali di lavoratori dipendenti come compenso orario, diversificazione di contratto (full-time, part-time e a chiamata), ferie, malattia, maternità e paternità, indennità per lavoro notturno, festività, coperture assicurative, dispositivi di sicurezza in dotazione, formazione obbligatoria e tutele previdenziali.

“Crediamo - afferma Ivan Moretti, board member di Zeta Service - che quella di Just Eat sia una scelta etica e responsabile, un investimento sulle persone che, come ci ha insegnato la nostra esperienza e la nostra storia, porterà a splendidi risultati. Il nostro team è entusiasta del progetto e questa partnership è stata accolta con grande gioia, soprattutto per il suo valore sociale”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli