Justin Bieber accusato di stupro: "È impossibile" e mostra le prove

·2 minuto per la lettura
Photo by Steve Granitz/WireImage)
Photo by Steve Granitz/WireImage)

Il cantante Justin Bieber, accusato di stupro attraverso alcuni post anonimi, ha deciso di rispondere mostrando foto e documenti che lo scagionerebbero.

Qualche giorno fa, un utente di nome Danielle ha raccontato su Twitter di aver subito una violenza da parte della popstar il 9 marzo 2014. Quelle parole hanno fatto il giro del mondo e sono state riportate da tutti i tabloid. Un'altra utente di nome Kadi ha dimostrato la propria solidarietà a Danielle, dicendo di essere stata anche lei vittima del cantante classe '94.

LEGGI ANCHE: Chi è Justin Bieber: quello che non sai sul cantante

Justin Bieber ha deciso di rimandare le accuse al mittente: “Generalmente non intervengo sulle questioni perché per tutta la mia carriera ho dovuto gestire accuse random, ma dopo aver parlato con mia moglie e il mio team ho deciso di rispondere”.

GUARDA ANCHE: La storia del primo bacio tra Hailey e Justin Bieber

Per dimostrare di essere estraneo ai fatti, Bieber ha dichiarato che il luogo in cui si trovava nella notte incriminata non era quello indicato da Danielle (Four Seasons Hotel di Austin), bensì un Airbnb dov’era in compagnia dell'allora fidanzata Selena Gomez.

LEGGI ANCHE: Selena Gomez senza trucco: la foto piace ai fan

Il cantante ha poi pubblicato una serie di prove fotografiche e documenti che lo scagionerebbero dalle accuse, annunciando di voler intraprendere azioni legali per quanto accaduto. “Ogni accusa di abuso sessuale deve essere presa sul serio ed è per questo che ho deciso di rispondere. Collaborerò con Twitter e le autorità per intraprendere azioni legali”.

GUARDA ANCHE: Che numero di Justin Bieber!

Justin Bieber non ha risposto alle accuse di Kadi, che ha affermato di essere stata aggredita in un hotel di New York nel maggio 2015. Danielle, il cui profilo con annesso tweet è sparito, aveva scritto di non aver parlato con nessuno per anni delle violenze, ma dopo varie sessioni di terapia aveva deciso di sfogarsi con amici e familiari.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli