Juve, in 7 in fuga dal JHotel: taxi, aerei e il jet di Messi, ecco come è scoppiata 'la bolla isolamento' nel post Juve-Napoli

·2 minuto per la lettura

Arrivano nuovi e sempre più importanti dettagli sulla violazione dell'isolamento fiduciario di 7 giocatori della Juventus che, come vi abbiamo raccontato nella nostra esclusiva di ieri sera (LEGGI QUI), hanno lasciato il J Hotel chi per tornare nella propria abitazione e chi, invece, per raggiungere il ritiro della propria nazionale.

VIDEO - Il pallone racconta... Impazza il caso Juventus-Napoli

IL TERZO TAMPONE - Una fuga non gradita quella di Dybala, Ronaldo, Bentancur, Danilo, Demiral, Buffon e Cuadrado perché, di fatto, viola il protocollo della Serie A e che ha costretto il club bianconero a denunciare i propri tesserati alla Asl di Torino. Non era infatti vietato lo spostamento del domicilio dal J Hotel alle rispettive abitazioni (Demiral e Buffon potrebbero quindi essere salvi), ma lo era l'abbandono del domicilio prima dell'esito del terzo tampone che, a questo punto, gli interessati avranno direttamente nei ritiri delle rispettive nazionali.

VIDEO - Gravina: "Juve-Napoli 3-0 a tavolino? Decideranno giudice sportivo e procura Figc"

LA FUGA - C'è però di più perché oggi Repubblica sottolinea anche le modalità con cui i giocatori si sono allontanati da Torino. ​Dybala è volato a Barcellona dove è decollato per l’Argentina con il jet di Messi (a bordo c’era anche Suarez), Danilo è andato in taxi a Malpensa e da lì è partito per San Paolo (via Madrid), Bentancur ha raggiunto l’Uruguay e Cuadrado si è imbarcato sul charter della federazione colombiana che ha portato a Baranquilla 18 giocatori e il ct Queiroz. Ronaldo, invece, si è aggregato al Portogallo ieri utilizzando il suo jet privato, ma lunedì era ancora nella sua abitazione torinese.

IL RISCHIO - Il rischio più grande, ora, è che uno di questi giocatori risulti ora positivo al terzo tampone. Tutti i contatti stretti delle ultime ore dovrebbero quindi mettersi automaticamente in isolamento e gli stessi calciatori rischierebbero prima di tutto una denuncia penale per la violazione delle indicazioni sanitarie. In caso di negatività potrebbero limitarsi a riceve una multa fino a 1000 euro, ma il fastidio in casa Juve rimane altissimo.