Il Milan recupera la Juve 1-1 e la rimanda -8. Allegri domina a lungo, ma è senza vittorie in zona retrocessione

·2 minuto per la lettura

Nè vincitori né vinti, almeno sulla carta, ma l'1-1 fra Juventus e Milan alla fine sorride molto di più agli uomini di Stefano Pioli che non a quelli di Massimiliano Allegri. I bianconeri, infatti, passano presto con Morata e dominano per oltre 60 minuti. Poi il calo, segno che il lavoro è ancora lontano dall'essere completo e il pareggio di Rebic che rischia addirittura di far piombare il gelo sullo stadium. Un punto a testa, quindi, ma tanti rimpianti per la Juventus che resta ferma a quota 2 punti e senza vittorie dopo 4 giornate di Serie A. Il Milan invece riacciuffa l'Inter in vetta e rimanda a -8 i bianconeri aspettando il Napoli che domani può salire in testa in solitaria.

È in realtà il Milan a partire forte con Brahim che supera con un numero Locatelli e si lancia in verticale fornendo poi a Tonali la palla per calciare in porta. Dall'angolo che ne nasce, però, un errore di Theo Hernandez al limite lancia il contropiede bianconero con Dybala che fa involare Morata a tu per tu con Maignan e lo spagnolo bravissimo in pallonetto a segnare l'1-0.

Il gol indirizza la partita sui binari che vuole Allegri con la Juventus che si chiude e si abbassa, neutralizza le linee di gioco rossonere e spesso e volentieri affonda con Morata e Dybala che si fanno stoppare i rispettivi tiri da Maignan e con Rabiot che, invece, si fa recuperare all'ultimo da Tomori. Il Milan non reagisce, perde Kjaer per infortunio e soltanto con Tonali a fine primo tempo si avvicinano alla porta di Szczesny.

Un segnale che qualcosa può cambiare e infatti nella ripresa il Milan cresce, lentamente e senza strappi, ma inizia a produrre quel gioco che era stato annullato dopo il vantaggio iniziale. La Juventus non riesce più a sfruttare gli spazi in ripartenza e allora, dopo una serie di cambi che portano in campo Florenzi e Bennacer per Kessie e Saelemaekers da un lato e Chiesa e Kean per Morata e Cuadrado dall'altro, un episodio fortuito apre al Milan la chance del pareggio. Kalulu guadagna un calcio d'angolo inaspettato e sugli sviluppi è Rebic a bruciare Locatelli e di testa trovare l'insperato 1-1.

L'equilibrio ristabilito mette il freno ad entrambe con la volontà di non perdere che ha la meglio anche se le occasioni di Kean in mischia su calcio d'angolo e di Kalulu in contropiede parato incredibilmente in angolo da Szczesny gridano vendetta. L'1-1 finale fa contento più il Milan che la Juve. Allegri ha tanti rimpianti per una squadra comunque in crescita. Pioli invece sorride: anche in emergenza il suo Milan sa fare male.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli