Juve, Pirlo: "Questo dominio ci serviva. Dybala non al top, Ronaldo è un esempio"

Antonio Parrotto
·2 minuto per la lettura

Andrea Pirlo, allenatore della Juventus, ha commentato ai microfoni di DAZN la vittoria odierna dei bianconeri contro il Cagliari per 2-0. Buona prova da parte dei bianconeri contro i sardi all'Allianz Stadium. Ecco le parole del tecnico della Vecchia Signora.

Stessa identità?

"Gli interpreti possono cambiare ma il modo di giocare deve essere lo stesso. Abbiamo fatto bene specie nel primo tempo, abbiamo avuto il dominio del gioco, per la crescita e la convinzione della squadra serviva una gara del genere".

Segnali importanti dai singoli?

"Sono state tutte delle ottime prove. Quando si rientra dalla sosta è sempre difficile affrontare la partita ma siamo stati bravi, siamo rientrati con lo spirito giusto".

Le ripartenze nel secondo tempo?

"Abbiamo tanti giocatori che possono dare gli strappi durante la partita, il problema è che poi non riesci a riaggredire la squadra, ogni tanto può capitare per la troppa voglia".

Andrea Pirlo, Juve | Valerio Pennicino/Getty Images
Andrea Pirlo, Juve | Valerio Pennicino/Getty Images

Arthur?

"E' il giocatore che ci aspettavamo. Arrivava da un campionato diverso e ci vuole un po' di ambientamento. Ha avuto un periodo iniziale dove giocava e non giocare, ora sta meglio. E' importante per le nostre uscite, dà grande sicurezza".

Oggi una Juve pratica e concentrata.

"La qualità non basta. Per avere il dominio del gioco è importante muovere la palla, giocando a due tocchi, smuoverla da una parte e dall'altra per avere possesso territoriale, stasera si sono divertiti. Quando hai il possesso e chiudi la squadra nell'altra metà campo corri di meno e per i giocatori è sempre importante".

24 palloni recuperati nell'altra metà campo: l'avete fatta bene questa pressione.

"E' quello che ricerchiamo dall'inizio dell'anno, poi le assenze ci hanno impedito di lavorare su questo ma è importante recuperare la palla immediatamente per tenere palla e gestire il gioco".

Dybala?

"E' un attaccante, non appena sarà al top giocherà nella sua posizione che è quella di seconda punta. E' da due settimane che prende antibiotici per un vecchio virus ma già stasera si è vista un po' più di gamba che è quella che gli manca".

Cosa ti ha sorpreso di Cristiano Ronaldo?

"Conoscevamo la sua grande professionalità. Ha dato grande disponibilità, è un esempio per tutti e lo dimostra per tutti durante tutte le partite. Gli posso dire solo di continuare così".

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A.