Juventus, agli ultrà biglietti gratis per evitare danni -2-

Prs

Torino, 16 set. (askanews) - Nell'ordinanza a spiegare la situazione fuori controllo del tifo ultras è Alessandro D'Angelo, security manager della società che agli inquirenti ha spiegato. "I gruppi erano in condizione di procurare gravi danni alla società con comportamenti quali cori a sfondo razzista e cose simili dai quali sarebbero potuti derivare danni seri alla società medesima, d'immagine ed economici". Cori razzisti e striscioni offensivi ci sono poi stati e alla società sono valsi 2 giorni di chiusura della curva sud, e sanzioni da 10mila euro per la partita Juve-Napoli e 15 mila euro per Juve-Spal.

"Allora proposi di venire incontro ai gruppi con dei biglietti per la preoccupazione di evitare quei danni", ha spiegato D'Angelo, ammettendo: "pur rendendomi conto dell'irregolarità amministrativa di quel che facevamo, ma ritenendo di agire per garantire l'ordine, rappresentai a Dominello (condannato con la sentenza per 416 bis), che se i gruppi avessero avuto delle necessità potevamo cercare di far acquistare loro dei biglietti. Si valutava la loro richiesta numerica, e la loro richiesta a quel punto divenne sistematica ed era sempre numericamente altissima, mediavamo, cercando di fargliene avere di meno e gestivamo in tal modo la situazione".

Persino i punti di ristoro dell'Allianz Stadium della Juventus erano sotto ricatto. Per evitare violenze e danni i gestori elargivano un certo numero di consumazioni gratuite ai vari esponenti dei gruppi ultras, che ormai non esitavano a chiedere sempre di più.

Dopo il rientro in curva di Domenico Scarano, "colonnello" di Gerardo Mocciola, capo indiscusso dei "Drughi" e di tutta la curva, "avvalendosi della forza intimidatrice connotante il gruppo ultras dei Drughi - si legge nell'odinanza - del carisma e della notoria indole violenta di Scarano, 'conosciuto da tutti e che non ha bisogno di parlare', costringevano il responsabile della società che ha la concessione la gestione dei bar al primo e secondo anello dell'Allianz Stadium, a concedere al gruppo dei Drughi quantomeno in occasione della partita del 2 febbraio 2019, 10 consumazioni aggiuntive alle 25 già concesse, nonché, con la minaccia di 'creare problematiche' presso il bar del secondo anello, ponevano in essere atti idonei diretti in modo non equivoco a costringere lo stesso a raddoppiare il numero dei buoni per le consumazioni gratuite al bar per il gruppo dei Drughi".